Anche nel 2016 il mercato delle bici elettriche e delle bici a pedalata assistita ha registrato un’impennata del 120%! La crescita italiana è in linea con il trend europeo che vede il mezzo eco-friendly sempre più diffuso anche in città.

Bnr Green Mobility ti fornisce tutti i dati del fenomeno.

La bicicletta è un mezzo che gli italiani conoscono bene. Fa bene alla salute, è economico, rispetta l’ambiente e arriva ovunque. In alcune città italiane si usa quotidianamente da sempre, complici la conformazione del territorio e le dimensioni ridotte. In altre, più grandi e caotiche, da qualche anno a questa parte si comincia a riscoprirla per i tragitti cittadini. Merito soprattutto della e-bike!

La bicicletta, a pedalata assistita o con motore elettrico, che sta diventando una valida alternativa all’auto, allo scooter o ai mezzi pubblici, anche per andare a lavoro. Le e-bike, infatti, uniscono ai benefici propri della bici tradizionale la tranquillità e la comodità dell’assistenza elettrica nel caso si sia troppo stanchi per pedalare o qualora si debba affrontare una salita. Perché, anche se il Giro d’Italia si è appena concluso, non siamo tutti Nibali o Quintana!

Oggi anche chi non è allenato o veste in giacca e cravatta può montare sul sellino! Potrà, così, sfruttare la praticità del mezzo e contribuire a rispettare l’ambiente. La e-bike mantiene infatti inalterata la caratteristica eco-friendly della bici tradizionale, poiché il motore elettrico è silenzioso e non emette sostanze nocive. Se ne sono accorti tanti italiani, come emerge dai dati elaborati da Confindustria ANCMA – Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori e come ha rivelato qualche giorno fa anche “la Repubblica”. Nel 2016 il mercato interno delle e-bike ha segnato un’impennata del 120% con 124.400 unità vendute (e un import di 108.800 unità che fa segnare il +148,9% rispetto al 2015).

Bici elettriche

Si tratta di dati impensabili fino a qualche anno fa. E i numeri fanno presagire un trend ancor più positivo.

Buoni anche i numeri della produzione italiana di bici elettriche che passa da 16.600 unità nel 2015 a 23.600 nel 2016 (+40,5%). Ottimo l’export, più che raddoppiato: passa dalle 3.400 del 2015 alle 8.000 unità del 2016, con un bel +135,3%.

Tra i motivi del successo europeo delle e-bike, c’è sicuramente l’estetica, sempre più curata e all’insegna del design. Inoltre, molto si è fatto in termini di tecnologia e di motori e batterie sempre più compatti e leggeri. Alcuni di essi sono completamente integrati nei telai. Anche la velocità media di 25 km/h permette a questi mezzi di inserirsi bene in un contesto urbano congestionato. Non solo.

Una ulteriore novità è costituita dalla E-Mountain Bike. Essa rappresenta ormai il segmento di mercato leader indiscusso di vendita. Sono sempre di più gli appassionati delle 2 ruote che scelgono le biciclette a pedalata assistita per muoversi nel traffico urbano. Ma anche per fare sport in montagna! L’agilità e la riduzione della fatica negli spostamenti sono solo due fra gli indicatori positivi di questa crescita sia nella produzione sia nell’export.

Per conoscere tutte le novità sulle bici elettriche che ci aspettano nella prossima caldissima estate, torna presto a trovarci! Ciao ciao!